Segui su

Tu sei qui

Riunione del Comitato di Indirizzo e Sorveglianza del 15 novembre

Mercoledì 16 Novembre 2016, ore 13:45

In data 15 novembre 2016, si è tenuta, al Viminale, la riunione del Comitato di Indirizzo e Sorveglianza del Programma Nazionale per i Servizi di Cura all'Infanzia e agli Anziani non autosufficienti, con la presenza di tutti i membri del Comitato per dare un’ informativa compiuta e dettagliata dello stato di attuazione del Programma sia sotto l’aspetto della programmazione che su quello della rendicontazione dei servizi erogati entro il 30 agosto 2016.
Sono state illustrate, dal dott. Vallone, responsabile dell’Ufficio Pianificazione e Programmazione finanziaria, attraverso le slides allegate al presente comunicato, le azioni intraprese per garantire il monitoraggio sullo stato di avanzamento del Programma, con un’attività di costante controllo della qualità dei dati e della documentazione inserita nei sistemi informativi in uso per il monitoraggio e la rendicontazione degli interventi attuati (SGP e SANA). L’analisi dei dati finanziari evidenzia come le spese del primo riparto siano in fase di rendicontazione, anche se probabilmente tutti gli impegni finanziari presi dai Comuni non sempre si sono trasformati in servizi resi.
Nel corso della seduta del Cis il dott. Pinna, responsabile dell’Ufficio Pianificazione e Programmazione amministrativa, ha illustrato i contenuti di un’articolata relazione, consegnata ai membri del Comitato ed allegata al presente comunicato, in cui vengono illustrate tutte le azioni fin qui poste in essere per erogare i servizi di nido e di assistenza agli anziani sui territori beneficiari delle risorse del Programma.
E stato, inoltre, illustrato il Vademecum, rinvenibile all’indirizzo http://pacinfanziaeanziani.interno.gov.it/sala-stampa/notizie/aiuto-bene..., iniziativa nata per semplificare l’attività di programmazione, a cui i comuni potranno ricorrere per una semplice e completa guida operativa, ed utile strumento di supporto tecnico.
L’autorità di Gestione, infine, ha riferito del lavoro svolto in sede di gruppo di lavoro sulle azioni a titolarità, rappresentando che le Regioni e l’Anci nazionale e regionali stanno procedendo all’individuazione dei comuni che potranno beneficiare di risorse aggiuntive.